top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

Michele Bravi "Racconto la mia immagine delle cose"

"Immagina se percepissi in modo diverso quello che vedi". È partito anche da qui, Michele Bravi, per scrivere il racconto che compone il suo nuovo album, 'Tu cosa vedi quando chiudi gli occhi', in uscita venerdì 12 aprile. L'idea era quella di raccontare la realtà non per forza per come comunemente appare, ma piuttosto per come la si interpreta, ciascuno a modo suo. "È passato qualche anno dal precedente album - ha raccontato Bravi - un po' perché non sono mai stato veloce e un po' perché ho dovuto superare un blocco. Ogni volta che mi mettevo davanti ad un pianoforte non ne usciva niente. Poi ho fatto un corso che è diventato più che altro un gioco e tra una lettera scritta a me stesso e la scelta di lavori immaginari per i quali calarmi nella parte, ad un certo punto mi sono sbloccato". E così Bravi ha cominciato il suo racconto per metafore e sinestesie, perché, ha spiegato, "raccontami la tua storia non è la richiesta giusta da fare perché è pericolosamente sintetica". Quella più interessante, invece, è piuttosto quella del "raccontami cos'hai visto tu nella tua storia". "Ho provato a celebrare la natura scenica e le melodie della vita interiore. Quanti spettacoli vediamo mentre viviamo? Quanti quadri stiamo dipingendo? Io sono un disastro a disegnare ma dentro ho quadri bellissimi. Sarei un disastro a dirigere film - ha scherzato l'autore delle nuove 'Viaggio nel tempo', 'Per me sei importante' e 'Sporchissima poesia' - ma dentro ne ho di così intensi che al confronto Nolan (il regista, ndr) è un dilettante". L'album, con la cover firmata dall'artista Mauro Balletti, è un vero e proprio concept, liberamente ispirato agli scritti di Oliver Sacks (RPT Sacks), neurologo e autore di fama mondiale, ma è anche il risultato di un percorso artistico e personale affrontato viaggiando tra Parigi, Londra, Amsterdam e Milano. Di parigino, nell'album, anche la voce di Carla Bruni su 'Malumore francese'. "Ho scritto questa canzone pensando proprio alla sua voce - ha spiegato Bravi - e ho deciso di mandargliela. Poco dopo eravamo in una stanza di un hotel milanese, quello dei soggiorni di Giuseppe Verdi, per lavorarci sopra". Di Giuliano Sangiorgi sono invece le parole di 'Ti avessi conosciuto prima'. "La canzone esiste da tanti anni - ha detto Bravi - e quasi ce n'eravamo scordati entrambi. La considero un magnifico regalo". Nella scaletta dell'album c'è anche 'Umorismo italiano'. "Mi diverto a scherzare sul fatto che io sia percepito come malinconico - ha confessato Bravi - quando invece il mio mantra è scrivere un testo un po' da poetessa e un po' da pornostar. Da una parte c'è l'umorismo tutto italiano e dall'altra questo alone di poeticità, che mi piace, perché sono un po' snob. Non c'è però solo quello". Anche a proposito delle delle difficoltà che negli ultimi mesi vengono evidenziate da artisti che si trovano a 'fare a pugni' con il retro della medaglia della popolarità, Bravi ha la sua posizione. "Quando si parla di un artista - ha detto la voce di 'Infanzia negli occhi' - si tende a parlare di un prodotto musicale destinato al mercato senza pensare che quella è anche una vita reale. A diciott'anni quando mi davano del fallito dicevano solo che l'album non aveva venduto e non che io fossi un fallito. Oggi ho gli strumenti per capirlo, ma a diciott'anni la prendevo molto più sul personale". Con il nuovo album Michele Bravi arriverà a teatro per due anteprime del tour, il 12 al Dal Verme di Milano e il 26 all'Auditorium Parco della Musica di Roma.


Comments


bottom of page