top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

'Vai Liscio', maratona musicale a sostegno candidatura Unesco

Una maratona di concerti in tutta l'Emilia-Romagna, dal Piacentino al Riminese per promuovere - tra balere e teatri - uno dei balli più amati e popolari e sostenerne la candidatura a patrimonio immateriale dell'Unesco. Il progetto, ribattezzato 'Vai liscio', andrà in scena dal 6 ottobre, nell'ambito del Mei 2023, il Meeting delle Etichette Indipendenti in cartellone a Faenza, per concludersi al Teatro Petrella di Longiano con una tre giorni, dal 2 al 4 di febbraio ribattezzata 'Tutti in Pista - Petrella Dancing'. Tra gli eventi più attesi quello del 5 novembre al Teatro del Popolo di Concordia nel Modenese - lesionato nel sisma del 2012 e da poco riaperto dopo i lavori di ristrutturazione - con Mirko Casadei, figlio del re del 'Re del Liscio', Raoul e la sua Popular Folk Orchestra che dialogherà con il trombettista e maestro del jazz, Paolo Fresu. Di rilievo anche le serate con gli Extraliscio e l'Orchestra Senzaspine e spazio alle balere e alle scuole di ballo con la rassegna 'Santa Balera', dieci appuntamenti dedicati alla generazione Z del Liscio. La rassegna - promossa dalla Regione Emilia-Romagna, con il sostegno di Rekeep, e coordinato da Ater Fondazione - si chiuderà con tre giornate al Teatro Petrella di Longiano, nel Riminese, tra concerti, esibizioni di ballo e lezioni aperte a tutti con la platea del teatro liberata dalle sedie per dare vita a un vero e proprio dancing: in campo tra gli altri Moreno il Biondo e Omar Pedrini, ex leader dei 'Timoria'. "La candidatura del Liscio alla Lista Unesco del Patrimonio culturale immateriale dell'Umanità sta già dando i suoi frutti - commenta l'assessore regionale alla Cultura, Mauro Felicori - con festival e concerti in tutta la regione. Abbiamo fiducia che la candidatura del Liscio affiancherà e porterà bene alla sfida lanciata da Rimini per essere nominata Capitale italiana della cultura 2026, con un progetto in cui il Popolare si fonde con la cultura cosiddetta Alta e che unisce la città dei Malatesta con tutti i comuni alluvionati della Romagna, con lo spirito di chi cerca una riscossa proprio a partire dalla promozione culturale".


Comments


bottom of page