top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

Ninaì: c'è il respiro di Londra in 'Feel it you have to': il video

In un pomeriggio d'inverno una dama senza tempo si rilassa bevendo una tazza di tè quando davanti a lei lo schermo di una vecchia TV si accende. Ciao a tutti sono Ninaì cantante pianista e compositrice. Giusto un anno fa usciva il mio primo EP Musica in testa per Maninalto! Records. Il lavoro composto da quattro brani, diversi tra loro per colori e generi è come un puzzle di emozioni ed energia; il tutto unito da un unico filo conduttore la voce. Il tema principale dell'EP è la musica che viaggia sempre con noi e che in qualunque momento è un amica fidata . In questo anno appena passato le prove sono state tante e la difficolta nel suonare live mi ha insegnato a vivere dell'essenziale: unica luce la musica. Lei che guida il mio istinto e mi stimola ad avere obiettivi ancora più intensi, e così ecco arrivare nuove conoscenze ed avventure artistiche. Scrivo molta musica nuova e cerco di realizzare un progetto che ho in mente da tempo: il remix di un mio brano. Ed eccoci al presente, con Feel it you have to remix firmato Madaski. Sono molto contenta di questa collaborazione: il suo sound è quello che cercavo ha rivestito il brano originale di una nuova identità sonora e concettuale. Le riprese del video sono state fatte presso i Light Studios di Biella nuova realtà composta da un giovane ed energico team di persone ed essendo girato nella mia città natale anche tutta la mia immagine viene curata da artigiani e sartorie biellesi. Vi racconto in breve la sua trama: in un quieto pomeriggio d'inverno, una dama senza tempo si rilassa bevendo una tazza di tè avanti a lei lo schermo di una vecchia TV si accende mostrando un musicista intento a suonare macchine ed elettronica. La sua immagine cyber-punk la teletrasporta in un universo parallelo e come per magia diventa uno Spirito. Capisce di essere una messaggera di emozioni in particolare del "sentire". Uno scenario apocalittico si apre davanti a lei come se il mondo che conosce non esistesse più e gli esseri umani che lo abitano, fossero in bilico in un eterno limbo fatto di tristezza e solitudine. Inizia il suo viaggio incontrando due persone che cerca di avvicinare con giochi di sguardi e abbracci ma non c è corrispondenza, come tutti gli spiriti prova con innocenti dispetti a farsi notare e infine si esprime in una danza e un shodo istintivo che farà scattare l'incantesimo. Purtroppo il suo tempo sulla terra ha un limite e un teschio appare sul suo viso, come una marionetta sarà tenuta in vita...ma per quanto ancora? Il messaggio di questo videoclip estremizza sensazioni di incertezza e mancanza di collettività proiettando uno scenario dove l'umanità perde lo scambio di emozioni e il contatto fisico. L'idea di interpretare lo spirito risolutore, nasce dalla convinzione che c'è qualcosa che va al di la di poco tangibile ma molto forte che è dentro ognuno di noi.


Comments


bottom of page