top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

Muti: "La nostra civiltà non sa più ascoltare per ignoranza"

"Siamo diventati una civiltà di gente che vuol vedere, non sente più, sente male, per mancanza di conoscenza, per ignoranza". Polemico, anche se "felice di essere qui con i miei giovani musicisti dell'Orchestra Cherubini", Riccardo Muti ieri sera al Teatro Pergolesi di Jesi, in provincia di Ancona, ha inaugurato le celebrazioni per i 250 anni dalla nascita (avvenuta nella vicina Maiolati) di Gaspare Spontini, con un concerto al termine del quale ha attaccato l'oblio in cui è caduta tanta parte del patrimonio musicale italiano. Un discorso molto politico, "anche se la politica dal podio non si fa", diretto soprattutto "a chi ha in mano le sorti del nostro Paese" per chiedere più attenzione per la musica, lungo oltre 20 minuti, punteggiato dagli applausi del pubblico.    La musica italiana "ha dominato il mondo con Spontini a Berlino, Mercadante a Madrid, Cherubini a Parigi, Salieri e, ancora prima, Porpora e a Vienna, Cimarosa e Paisiello a San Pietroburgo. I nostri compositori hanno fatto l'Europa, prima dei nostri politici ed economisti".    Muti ha elogiato le Marche, una regione che "ha dato i natali a tantissimi artisti, non solo nel campo dell'architettura e della pittura, ma anche della musica. Voi avete a distanza di pochi chilometri Giovan Battista Pergolesi (nato proprio a Jesi) e Spontini". E ha elogiato le due città che "si stanno prodigando per sottolineare l'importanza di questi due giganti della musica", ma "molte persone non sanno chi sono e questa è una vergogna per noi". Perché "la musica italiana non è semplicemente l'espressione sguaiata di note acute tenute all'infinito, ma la nostra storia è una storia di nobili e grandi compositori". Compositori che "hanno fatto l'Europa prima dei nostri politici ed economisti". "Pensate che Spontini era un re prima a Parigi e poi a Berlino - ha detto ancora Muti -, e nelle memorie di Wagner si legge che quando Spontini arrivò a Dresda per dirigere La Vestale scese da una carrozza principesca venendo da un'umile casa di Maiolati. Wagner s'inginocchia addirittura davanti a lui". Due colossi della musica "dimenticati": "Pergolesi era ammiratissimo da Bach, all'età di 26 anni muore lasciandoci dei capolavori incredibili". Capolavori raramente eseguiti e lo stesso accade per La Vestale o l'Agnese di Hohenstaufen di Spontini o altre opere. "Va bene il 'Vincerò' che dura mezz'ora ed è anche piacevole - ha ironizzato il maestro - ma non rappresenta tutta la nostra musica". E "se andate a vedere la partitura di Puccini, non esprime 'ad libitum' fino a quando tutti quanti, presi da frenetici orgasmi, urlano uau". "Cosa è successo al nostro Paese? - si è chiesto Muti -. E' successo che nelle grandi occasioni ci si veste bene, si compare nei palchi e poi si scompare? O dobbiamo metterci in testa che la musica e la storia della musica insegnata bene e portata alle nuove generazioni possa migliorare il futuro del nostro Paese?". Tutto queste però "non succede" e per questo il pubblico non sa più ascoltare. "Noi abbiamo in debito verso il nostro passato - si è accalorato -, abbiamo una storia infinita di bellezza e arte che molti ragazzi oggi non conoscono e che sta diventando solamente un'occasione di ascolto per alcuni privilegiati. Non sono un politico, ma con grande malinconia mi avvicino alla fine della vita perché noi non siamo più degni delle radici su cui abbiamo fatto spuntare fiori, o alberi o foglie". "Verdi rimane il Michelangelo del musica e ha coperto tutto l'Ottocento". E anche Puccini è rappresentativo di un certo periodo. Ma "quando Spontini scrive la Vestale, dentro c'è tutto quello che poi Wagner prenderà. Questo siamo e questo dovrebbero sapere quelli che guidano l'Italia e questo dovrebbero insegnare a scuola".



Comments


bottom of page