top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

Morgan assente all'udienza contro Bugo

È ripreso stamani davanti al giudice monocratico di Imperia Marta Bossi, con l'esame della parte offesa e il controesame della difesa, il processo per diffamazione che vede imputato il cantautore Marco Castoldi, in arte Morgan citato in giudizio per diffamazione dal collega Cristian Bugatti, in arte Bugo, per fatti avvenuti a margine del Festival di Sanremo del 2020. All'udienza era presente solo Bugo perché Morgan è a Roma per il concerto del Primo Maggio. Il suo legale, l'avvocato Rossella Gallo del Foro di Milano, aveva presentato istanza per legittimo impedimento dovuto a motivi di lavoro, ma il giudice ha fatto rilevare che quest'ultimi non costituiscono legittimo impedimento e che l'impegno professionale che l'imputato intende far valere per il rinvio dell'udienza è stato da lui volontariamente assunto, lo scorso 20 febbraio, malgrado fosse a conoscenza dell'udienza di oggi. Morgan verrà così sentito il prossimo 28 maggio. La vicenda riguarda gli epiteti rivolti da Morgan a Bugo nel contesto di interviste televisive e in occasione della conferenza successiva alla finale del Festival di Sanremo del 2020. L'avvocato Gallo ha più volte ribadito che la presunta diffamazione non ha ad oggetto il "cambio versi" del brano "Sincero", che invece riguarderebbe fatti relativi a presunte violazioni dei diritti d'autore, oggetto di un separato giudizio davanti al tribunale civile di Milano. Nel corso dell'udienza, difeso dall'avv. Donatella Cerati, Bugo ha ricordato come i dissapori con Morgan fossero sorti ben prima dell'esibizione sanremese. "Ho pensato che la canzone fosse perfetta da cantare con Morgan e quando gliel'ho proposto, lui ha accettato - ha detto Bugo -. È stata una mia decisione scegliere lui per partecipare al Festival. Mi sono accorto che a metà dicembre 2019, dopo l'annuncio della nostra selezione alla kermesse, qualcosa non funzionava. C'erano già stati dei battibecchi. Poi i problemi si sono intensificati e diventati quasi giornalieri". Bugo ha anche ricordato come molti problemi fossero legati alla serata delle cover, del Festival 2020: "L'orchestra ha rifiutato la partitura di Morgan per undici volte, il tempo per le prove è quindi stato limitato. Questo ha creato continui malumori e Morgan dava la colpa all'orchestra, perché per lui le partiture erano corrette".


Kommentare


bottom of page