top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

Le Vibrazioni: "Noi Siamo la vecchia guardia ma siamo pronti a dare una scossa"

La quota rock del Festival quest'anno è rappresentata da Le Vibrazioni, la band capitanata da Francesco Sarcina, che torna all'Ariston per la quarta volta con il brano "Tantissimo". "Rappresentiamo il rock e siamo anche l'unica band presente - raccontano -, ma non per questo sentiamo una responsabilità maggiore. Noi siamo questi da sempre, vecchia guardia ma pronti a dare la scossa". L'anno scorso l'Ariston ha tremato con l'energia dei Maneskin. "Loro sono delle mosche bianche: sono giovani, suonano, fanno rock. Oggi non è così frequente: i ragazzi sono abituati a stare nelle loro camerette e a lavorare con il computer, con le basi e l'autotune. Forse è un problema culturale, non ci sono spazi dove suonare, gli ultimi 15 anni hanno visto morire tanti locali. Il rock però è un'attitudine: se Mozart o Vivaldi avessero avuto l'elettricità sarebbero stati molto rock". Il ritorno a Sanremo, con un brano che è anche una riflessione su quello che abbiamo vissuto ("ma senza vittimismi"), sperano sia un auspicio per la ripresa - finalmente - della musica dal vivo senza troppe limitazioni. "Andiamo per suonare, per ricominciare. Ad aprile esce il nostro nuovo EP ed è una scusa per tornare a fare concerti in estate - dice Sarcina -. Chi dice di andare a Sanremo senza tanto interesse, come fosse una cagata (e in questi giorni ne sto leggendo di fenomeni), mi chiedo perché ci vada. Lasciasse il posto a qualcuno che ci tiene di più". Per la serata dedicata alle cover la band ha scelto "Live and let Die" scritto da Paul e Linda McCartney. La performance sarà arricchita dalla partecipazione del Maestro Peppe Vessicchio e dal duetto con Sophie Scott, la leader della band inglese Sophie and The Giants. "È un brano con cui siamo cresciuti, che racchiude la nostra storia".


Comments


bottom of page