top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

Francesca Michielin festeggia i suoi 10 anni di carriera

Mai ha fatto un passo indietro. Neanche per avere una prospettiva di futuro migliore. Ha sempre scherzato con la sorte, per dirla citando Roberto Vecchioni si è giocata il cielo a dadi. E ha vinto. Francesca Michielin è una artista completa e matura. Nonostante la giovane età ha fatto cose che noi umani non facciamo in una vita. La ricordo a X Factor, sedicenne ancora fragile ma già con la voce ipnotica. E poi la ho seguita nei club, da Nonantola e a Parma; poi a Mantova, nella sua esperienza notturna, quasi vampiresca, quando faceva ballare il popolo della notte conquistandolo a ritmo di musica; signora al Festival di Sanremo, da sola e con Fedez; domina dell'Arena di Verona in più occasioni. Poi il podcast, l'impegno sociale, la forza di metterci la faccia dove molti suoi colleghi più famosi non hanno voluto metterci neanche la punta del naso. Al suo fianco, in questa crescita che, come nei ghiacciai, è quotidiana anche se non si vede, la sua manager Marta Donà, attenta e lucida, stimolante e protettiva. Raccontare, nel dettaglio, i suoi primi dieci anni sarebbe come affrontare un volume della Recherche proustiana. E poi, oggi che è festa, non è il caso di essere didascalici o aneddotici. Poche tracce soltanto: l'incipit del 2012 a X Factor con Distratto, poi quattro album ovvero Riflessi di me, di10, 2640 e Feat (Stato di natura); due Festival di Sanremo salendo sempre sul podio, nel 2016 con Nessun grado di separazione, col quale ha poi rappresentato l'Italia all'Eurovision Song Contest, e nel 2021 con Chiamami per nome in coppia con Fedez. In tempi di Covid è arrivato Nei tuoi occhi, brano composto per la colonna sonora del film Marilyn ha gli occhi neri con Miriam Leone e Stefano Accorsi. Buona festa Francesca e tra te e tutti noi… nessun grado di separazione.



ความคิดเห็น


bottom of page