top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

Dylan: un singolo che è una promessa: Non mi basta. Il video

In anteprima il video dell'artista che si è fatto conoscere a X Factor 2020. “Non mi basta”, il mio nuovo singolo, è nato dopo la fine di una relazione, una dura separazione da una ragazza alla quale tenevo moltissimo che, dopo mesi di relazione, ha voluto di punto in bianco chiudere i rapporti senza nemmeno darmi una spiegazione, un motivo preciso. Ci ho messo giorni a realizzare, pensavo: "Ma com'è possibile? Davvero è finita in questo modo?". Non capivo cosa avessi fatto di male, cos’avessi sbagliato. Non capivo perché lei, che mi ha sempre dimostrato di essere presente e di volermi accanto, tutto d'un tratto, non mi volesse più. Poi, con il passare del tempo, sono venuto a sapere che aveva un’altra persona, che si stava frequentando con un altro ragazzo. ”Sono caduto a terra come vetro” ed è proprio così che inizia la canzone, esattamente come mi sono sentito in quel periodo. Fragile come vetro. Mi sono diviso in mille pezzi. Pensavo a come passavamo le giornate insieme ed a quanto, almeno apparentemente, stavamo bene. Il mondo sembrava nostro. Ma tutto è svanito e come autodifesa ho fatto svanire i suoi ricordi. Li ho fatti diventare cenere. L’altro ragazzo dopo mesi l'ha lasciata in un modo simile a come aveva fatto lei con me. Le aveva fatto del male, l’aveva ferita. Tutto questo non mi sembrava normale. Io le avrei dato il mondo, ma lei ha scelto di stare con una persona che alla ne l’ha fatta soffrire. Certo, ovviamente non poteva saperlo a priori, ma nella mia rabbia, ho voluto mettere nel pezzo questo concetto di karma. C'erano alcuni giorni in cui riuscivo a mangiare e mi sfogavo con carta e penna, scrivendo. Ho messo nel brano i miei pensieri, le mie domande, le mie paure ma soprattutto, tutte le emozioni che provavo in quel momento. Mi sentivo oppresso. Molti mi chiedevano come mai fosse finita, cosa fosse successo. E io mi sentivo come dentro una morsa. Mi sembrava di essere in mezzo a due pareti che si stringevano sempre di più e mi lasciavano da solo, al buio. Mi chiedevo come stesse lei, quando stava con me e nel frattempo usciva, si frequentava con quest'altro ragazzo. Come fa una persona a tradire? Come fa una persona a prendere così tanto in giro un'altra che la ama? Alla fine ho lasciato intendere che ne sono uscito e che non sto più male per la nostra storia. Non mi bastava più quell'amore che speravo tornasse, volevo di più, volevo di più per me. E fortunatamente ho trovato tutto quello che ho sempre desiderato nella e con la mia fidanzata attuale. La ragazza che è accanto a me ora, che non c’entra nulla con "Non mi basta". L’esperienza ad X Factor Italia 2020 è stata sicuramente la più bella della mia vita finora. Ho deciso di iscrivermi a febbraio, preso da forti dubbi riguardo al mio sogno, quello di fare della musica il mio lavoro, la mia vita anche professionale. Il talent è stata un’occasione capitata a pennello in un periodo in cui non vedevo speranze, in cui mi ero completamente perso. Avevo messo in dubbio la possibilità di essere un artista, avevo messo in dubbio una parte di me enorme e fondamentale. Mi è sempre piaciuto scrivere, mi è sempre piaciuto cantare. Solo che vedere tutti quegli sforzi, tutti quei soldi messi da parte per andare in studio, tutte quelle corse dopo il lavoro per poter trovare due o tre minuti in più per scrivere, non valere nulla, mi faceva sentire come se stessi cadendo in una voragine di tristezza. Cliccando invio in quella domanda di partecipazione, volevo capire se il gioco valesse la candela. Non mi aspettavo niente, ma allo stesso tempo, nel profondo, ci speravo immensamente. Appena mi arrivò la chiamata del pre-casting ero felice, a tal punto che sembrava avessi già vinto. Poco dopo, senza neanche accorgermene, ero già alle audizioni. Durante il viaggio in macchina inizialmente ero euforico, non mi sembrava vero, poi però i dubbi cominciarono a salire e la paura nacque assieme ad essi. Pensavo a quanti ragazzi erano lì a seguire il proprio sogno e a quanti di quelli avevano avuto una preparazione molto più vasta rispetto alla mia. Ho avuto paura ed ho fatto anche fatica a dormire quella notte. Il giorno dopo c’era il soundcheck. Ho adorato quella giornata. Ho fatto molte più amicizie di quanto mi sarei aspettato, ero lì, nel mio mondo pieno di musica e di arte. Ero sotto i riflettori ed ero fero di quello che stavo facendo, per la prima volta in vita mia. Per fortuna sono tornato a casa con 4 sì! Mi sembrava tutto surreale. Sono stato davanti ai 4 giudici (Emma Marrone, Manuel Agnelli, Mika ed Hell Raton) per 15 minuti, ma mi sono sembrati 30 secondi. Avevo fatto colpo, era andato tutto come avevo sperato. Non è durata molto l’esperienza ad X Factor 2020, ma mi sono tenuto stretto quei momenti che mi ricorderò per sempre. Dopo l'eliminazione dal Talent, inizialmente mi è caduto il mondo addosso. Io ci credevo veramente ed appena uscito da Cinecittà non ho fatto altro che chiamare la mia ragazza e spiegarle tutto. Le ho detto che ero infelice, arrabbiato con me stesso. Forse avevo sbagliato qualcosa, forse ero troppo in ansia, forse davvero non ero pronto. Lei mi ha risposto che nonostante tutto, era fiera di me e che questa non era la fine, ma uno spettacolare inizio. Mi ricordo di aver sorriso e di aver pensato che in fondo era vero. Grazie a Ruggero Ricci, Nicolò Lopez ed a quello che potevano insegnarmi, sentivo che ce la potevo fare! Ringrazierò per sempre X Factor Italia, in così poco tempo mi ha fatto maturare così tanto! Ora è il momento di dimostrare che sono più che pronto e che nonostante le varie cadute, bisogna sempre rialzarsi e continuare a lottare per raggiungere i propri obiettivi. Ed ora è proprio questo quello che farò.


Comments


bottom of page