top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

Cortina 2021: il violinista Andrea Casta alla cerimonia d’apertura dei Campionati del Mondo di Sci

Domenica 7 febbraio alle 18:00 in diretta su Rai 2 e in Eurovisione si terrà la Cerimonia di apertura dei Campionati del Mondo di Sci Alpino di Cortina 2021. Lo spettacolo vedrà protagoniste le Dolomiti, patrimonio Unesco di cui Cortina d’Ampezzo è la Regina. Un grande show condotto da Petra Loreggian che darà il via alle 2 settimane di competizioni iridate e che, sotto gli occhi degli spettatori connessi da tutto il mondo, racconterà i pilastri dell’italianità tra il Carnevale di Venezia, la lirica dell’Arena di Verona e le esibizioni di cantanti, musicisti e danzatori. Il violinista Andrea Casta sarà sul palco dello show di inaugurazione, organizzato da Triumph International con la Direzione artistica di Roberto Patrizi Malfatto. Oltre a lui si esibiranno Gianna Nannini, Francesco Gabbani, l’attore Francesco Montanari, Alfa e il giovane chitarrista elettrico Jacopo Mastrangelo, già ospite di Andrea Casta al recente concerto di Natale in streaming e protagonista insieme a lui di numerosi duetti di successo in apertura delle partite di Serie A allo Stadio Olimpico di Roma. Il violinista Andrea Casta con il suo archetto luminoso sarà nel cast dello spettacolo e si esibirà su un suo brano originale, dal titolo Faster & Beyond, composto e prodotto per l’occasione insieme a Lorenzo Benassi e masterizzato a Berlino da Zino Mikorey. Una composizione orchestrale dal sapore epico e cinematografico con al centro il canto del violino, e con qualche pennellata elettronica caratteristica dei recenti lavori discografici del musicista lombardo. Casta è uno dei musicisti più legati alla montagna. Ex-atleta proprio di sci alpino (da giovane ha militato anche nel Gruppo Sportivo Esercito), già Maestro di sci, una volta intrapresa la carriera di uomo di spettacolo non ha mai perso il contatto con la neve. “Sono felice di questa straordinaria opportunità perché in montagna, fin da bambino, non solo ho imparato a sciare e ad essere il più veloce, ma ho imparato soprattutto a cadere e rialzarmi, il rispetto per la natura, l’importanza della pace interiore e della motivazione, e a guardare al futuro ricordando sempre da dove vieni. I campionati del mondo di sci, anche se svolti a porte chiuse, rappresentano un volano di visibilità internazionale per le nostre montagne, che speriamo possano presto tornare a ricevere gli amanti dello sci e della natura lasciandosi alle spalle questo difficilissimo periodo.” Queste le parole del musicista.


Comentarios


bottom of page