top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

Bologna omaggia Milva con una mostra al Museo della musica

Una mostra dedicata a Maria Ilva Biolcati, 'In arte, Milva', artista che ha attraversato da protagonista oltre cinquant'anni di storia italiana, sarà allestita dal 23 novembre al 4 febbraio a Bologna, al Museo internazionale e biblioteca della musica, a cura di Anna Maria Lorusso e Lucio Spaziante, promossa da Alma Mater Studiorum in collaborazione con il Settore Musei e il patrocinio del Comune. Dalla provincia ferrarese di Goro fino a uno dei templi del teatro italiano, il Piccolo Teatro di Milano, passando per Parigi, la Germania, la Grecia, il Giappone, Milva (1939-2021) ha lasciato un segno nel mondo dello spettacolo e del costume, in molteplici generi. È stata a Sanremo, sulle copertine dei rotocalchi, ma ha anche lavorato con Luciano Berio, è stata - come 'Milva la Rossa' - emblema della canzone politica impegnata, ha recuperato la tradizione popolare e, al contempo, ha interpretato le canzoni di Vangelis, compositore di colonne sonore e musica elettronica, è stata protagonista degli spettacoli di Giorgio Strehler e interprete d'elezione di molte canzoni di Franco Battiato. Di tutti questi volti, di tutte queste Arti di Milva, la mostra cerca di rendere conto, da Goro alla dimensione internazionale in cui si sviluppa la sua vita, presentando per la prima volta parte del lascito donato nel 2022 dalla figlia Martina Corgnati alla Biblioteca delle Arti dell'Università di Bologna. 'In arte, Milva' vuole dire per i curatori proprio questo: una personalità che ha totalmente vissuto dell'arte e nelle arti, e per la quale non c'è mai stata distanza tra la vita e la scena. La mostra si articola attraverso le tre sale dello spazio mostre del Museo della musica, che raccontano Milva con focalizzazioni diverse: La vita, Le arti di Milva, Il mondo di Milva. Il visitatore potrà seguire il percorso di visita e continuare l'esperienza anche fuori dal museo con una playlist musicale intitolata 'In arte, Milva', scaricabile sul proprio device. Il catalogo della mostra, edito da Silvana Editoriale, sarà disponibile nel bookshop del Museo.

Comments


bottom of page