top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreRedazione

'Avrai' di Claudio Baglioni è protagonista nella serie Station 19

Un nuovo riconoscimento per Avrai di Claudio Baglioni. Nell’episodio 6 della quarta stagione (in onda negli Stati Uniti sulla ABC) i fratelli Andrew e Carina DeLuca, in ricordo della loro infanzia, citano, in italiano, con sottotitoli in inglese, Avrai sorrisi sul tuo viso, come ad agosto grilli e stelle. In questa storia che è la mia è il sedicesimo album realizzato in studio della cinquantennale carriera di Claudio Baglioni, uscito dopo sette anni da ConVoi e ha superato 3.100.000 streaming e venduto oltre 50.000 copie (attraverso i canali tradizionali e le edicole). Mal d'amore è una canzone che avrei potuto scrivere in un'altra epoca, con la stessa moderna classicità di un'aria operistica e le sonorità sode di una rock ballad; ma non sarebbe mai venuta così. Tra incerta rassegnazione e dolente consapevolezza –commenta Baglioni– Se nessuno me lo chiede, lo so - scriveva Sant’Agostino, a proposito di cosa fosse il tempo - se voglio spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so”. Credo che lo stesso si possa dire dell’amore. Il tempo e l'amore sono i protagonisti di tutto l'album e di questa ballata in cui gli amanti s'interrogano sul significato di Mal d’amore. Senza poter rispondere né riuscire mai a guarirne. Lasciarsi cadere ammalati senza morirne definitivamente. Il fatto è che l’amore ha un tempo tutto suo: vive in noi ancora prima di diventare “presente”, continua a vivere anche se non diventa mai “futuro” e, soprattutto, non smette di vivere nemmeno quando è “passato”. Un tempo che stravolge il nostro tempo e ci tiene lì a chiederci se l'amore sia più miele o sale, se un bene può far male e un male fare bene, se conviene e vale. Ma, soprattutto, se è irreale o c'è e se per tutti è uguale. In questa storia che è la mia è un invito, una spinta a rileggere le nostre storie. Le vicende di ciascuno di noi, delle pagine di musica e parole, che abbiamo scritto e vissuto insieme, e di questo tempo che - sebbene non si leggano - porta anche le nostre firme". 14 brani, 1 apertura, 4 interludi piano e voce, 1 finale: un “concept” che disegna la parabola dell’amore, sia personale che universale, riflettendo sul modo nel quale questa forza straordinaria che tutti viviamo senza conoscerla mai veramente, travolga le nostre esistenze, rendendole esperienze uniche e sempre degne di essere vissute. Una vita in quattordici storie che le passano attraverso.


Comments


bottom of page